I guess i’m like Tom


La banalità della prima persona singolare.
25 ottobre, 2010, 5:11 pm
Filed under: Reminiscenze di Stati

Mi sveglio, guardo il tuo respiro lento nella penombra sonnolenta.
Penso, allungo verso te la mano. Ci penso ancora, la appoggio piano. Non ti voglio svegliare, ma forse un poco già lo sei. Come me, con gli occhi stroppicciati, che ti stanno guardando. Rispondi con un abbraccio, ci sfioriamo, cercando di addormentarci mollemente stretti. Sono stupito di me che penso a qui, che penso al tuo viso, che vedo le tue labbra, solo quelle e non un giorno più in là.
Diventi concitato, mi coinvolgi, sale la mia ansia impastata al desiderio. é nuovo, non conosco. Temo. Siamo seri, ma una mia battuta allenta. Mi piace qui. E tu? La tua sicurezza domina tutto qui, mi ammaliano i tuoi occhi.




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: