I guess i’m like Tom


Sto fingendo di essere sensibile: mi sensibilizzo.
31 agosto, 2010, 8:01 pm
Filed under: Stati | Tag: , ,

«
E a me (da me scelta) compra (con i soldi dell’Editore che per lui sono pure esentasse) una gonna bianca bellissima, a campana, di un cotone tanto luminoso da parere seta, con su dipinta una scritta in nero. E la scritta è in spagnolo, parte da un pennino immerso in un calamaio e va girando intorno, come fa la scrittura, che gira intorno alle cose, così che l’inizio coincida con la fine.
La fine.
Un grande amore, quando diventa un ex grande amore, smette di essere un grande amore. Per definizione.
E mentre decido cosa mettermi per andare a casa sua e lasciarlo, mi arriva un sms:
“mi prendo la responsabilità definitiva di mettere fine alla nostra storia”
“per sms?”
“sì x nn ricadere nella trappola di questo amore”
“hai detto amore”

Ma quale amore
»



[Valeria Parrella, Ma quale amore, Rizzoli, 2010, pag. 100 ]


Lascia un commento so far
Lascia un commento



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...