I guess i’m like Tom


Scimmia
21 luglio, 2011, 7:30 am
Filed under: Stati | Tag: , ,

É un messaggio a te.

 

Non scrivo qui sopra da tantissimo, quasi non è casa mia. Pensavo che lasciarti un messaggio fosse una buona idea, ma mi piaceva l’idea che lo trovassi, non che te lo recapitassi. Quindi è come non lo leggessi. Il che mi libera, mi permette di non arrossire ammutolito come tutte le volte che t’ho incontrato. Le pochissime volte. Quando ho detto quattro tra le cose più stupide che abbia mai pensato, detto, riferito, ammesso.

 

L’ora violetta è passata, anzi non è mai stata. Era una tua cosa, un riferimento che ho colto, ma non mi appartiene. Come te del resto. Mi hanno dato della scimmia per la mia assurda propensione, incessante, al pensarti. Non che mi ci sforzi, o debba essere annoverato tra i santi martiri. Lo faccio ogni risveglio, ogni spazzolata di dentifricio, ogni spulciata in quella rubrica del web 2.0 che chiamiamo facebook, ogni volta che la mia crapa tocca il cuscino. Un’idea gigantesca e onirica associata ad un volto e a dei gusti musicali. Compatibili, certo.

 

A volte penso a cosa ti direi se ti avessi qui, seduto dall’altra parte di questo tavolo con l’appiccicosa cerata rossa. Qui a rimirare il pavimento che chiede pietà e accampa inascoltate istanze igieniste. Vorrei essere bello per non dover conversare, vorrei conversare per non ammutolire con espressione beatificata guardandoti. Eppure, lo sai che finirebbe così? Un bottiglia di vino, una playlist rimediata a caso come ora, e solamente a ripetermi: “che occhi…”. Riderei d’imbarazzo e chiederei mille scuse, non capendo nemmeno perché avresti voluto darmi udienza. Cercherei rifugio nel caldo sarcasmo e nell’ironia familiare. Spererei che il vino avesse la meglio, su di me, su di te. E quella paura, che sentirei. Incredulo ringrazierei in silenzio della tua presenza. Vorrei prenderti per mano, con silenzio e innocente volontà.

 

Chiudo ora le conversazioni che non abbiamo avuto, o domani. Elimino quel sottilissimo filo che ci tiene collegati, quasi per ironia. A ricordare a me quello che non ho. A te, nulla. É che questa canzone dell’itunes è troppo carina per poterla infangare dicendoti che non hai saputo, che sarebbe… Ci siamo incrociati ad un brutto incrocio. Bastavano due semafori prima. O un mese, forse due. Un abbonamento al teatro nella stagione precedente, due parole di troppo, un discorso scomodo in momenti di lucidità offuscata. Cancello il filo, con sentimenti contrastanti. Lasciando questa comunicazione di servizio in un angolo del web vorrei che fosse letta da te che hai molto altro da fare e un mondo abbandonato alle spalle.

 

Sarebbero state belle chiacchiere, un’estate da non dimenticare, dei dischi – i tuoi – conditi da birre – le mie – e quell’adolescente leggerezza che vuole il mondo non finire mai.

 


Lascia un commento so far
Lascia un commento



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...